L’eleganza è tutta una questione di lunghezze, o meglio di proporzioni. Perché se è vero che da una parte c’è la moda che vuole a tutti i costi rompere le regole, dall’altra ci sono sempre il buongusto e il buonsenso che dovrebbero guidarci nelle scelte.

Non voglio fare la bacchettona dello stile, ma semplicemente attirare l’attenzione sulle scempiaggini che la moda fa compiere a noi povere fashion addicted (ed io per prima rientro nel novero) disposte a tutto pur di apparire cool.

Lunghezze NO

[custom_gallery id=”401″ layout=”masonry”]

Il boot over knee si addice solo ad una gamba particolarmente slanciata, la ballerina con la gonna ballon fa molto Alice nel paese delle meraviglie, il tubino con i mocassini fa covento, per non parlare della tris da collegio stringate maschili, calzino e gonna da bambolina

Le sneakers con la lunguette aderente saranno anche comode, ma fanno troppo Americans on holidays,  mentre il pantalone cropped che lascia la caviglia esposta al pubblico ludibrio (sia essa sottile o pienotta) per me non è altro che una vendetta globale sull’umanità concepita da una congrega di stilisti perversi. 

Insomma un’interpretazione sconsiderata e del tutto casuale delle lunghezze, senza prendere in esame non solo il proprio fisico in particolare, ma la figura umana in generale, può fare danni.

Ammettiamolo, certe volte siamo talmente concentrati a seguire la moda, da perdere di vista il fatto che gli abiti che indossiamo non dovrebbero nasconderci, ma piuttosto metterci in luce, enfatizzare i nostri punti forti, minimizzando quelli deboli.

Quindi, senza preoccuparci troppo di sembrare banali, meglio imparare a guardarsi allo specchio con occhio vigile, nonché tenere a mente qualche semplice regola.

La gonna lunguette si sposa con il tacco, che sia a spillo, a rocchetto, a tronchetto, o a zeppa, poco importa, l’importante è che svolga il compito per cui è stato inventato, ovvero slanciare la gamba e quindi tutta la figura, altrimenti vanificate tutte le aspettative che questo genere di gonna porta con sé: farvi sembrare delle donne.

Il pantalone a zampa di elefante se sportivo va d’accordo solo con le zeppe, se elegante può stare anche con un tacco largo e importante, ma mai con le sneakers, a meno che non abbiate un chilometro di gamba, e non vi donerebbe comunque.

Lo stivale sopra il ginocchio sta bene con la mini come con il pantalone skinny, ma ci vuole la certezza e non solo l’illusione di avere un fisico bestiale ed ineccepibile sotto ogni angolazione, altrimenti si rischia l’effetto insaccato (o peggio).

Lunghezze Sì

[custom_gallery id=”405″ layout=”masonry”]

Detto questo, esisterà sempre l’eccezione alla regola …, anzi ben venga, perché io per prima sono una che ama ricredersi quando vede confutate le proprie tesi…quindi aspetto fiduciosa che qualcuno mi dimostri il contrario, foto alla mano.

Comunque, in linea generale, un bello specchio a figura intera abbinato a 10 diottrie (con o senza occhiali) sono già un bell’aiuto!